Riapre il museo di Pietrarsa

San Giovanni a Teduccio: mercoledi 19 dicembre ha riaperto il Museo ferroviario di Pietrarsa.

Il museo istituito nel 1989 ha chiuso nel 2001 per adeguare la struttura alle nuove norme di sicurezza. 

Il Museo si estende sul suolo dove sorgeva l’Opificio di Pietrarsa che è delimitato a nord ovest dal mare ed a nord est dalla tratta ferroviaria Napoli – Portici. Dai viali del museo si gode della splendida vista di tutto il golfo di Napoli e delle Isole di Capri ed Ischia.

Nei quattro edifici che costituiscono il museo ci sono i treni di quasi Centosettanta anni di storia delle ferrovie italiane: la prima locomotiva la “Bayard” che era in funzione insieme alla locomotiva “Vesuvio” sul primo tratto ferroviario italiano tra Napoli e Portici, la ricostruzione dell’intero convoglio che fece il viaggio inaugurale il 3 ottobre 1839, le locomotive in funzione nella seconda metà dell’ottocento ed inizio novecento, ai locomotori elettrici, il vagone reale commissionato da Vittorio Emanuele III (il re che fuggì l’8 settembre 1943). Nel museo sono presenti anche utensili dell’ottocento, arredi d’epoca di stazioni. Una sala conferenze e una biblioteca completano i servizi offerti dalla struttura. 

All’interno di uno dei padiglioni c’è una lapide che ricorda la fondazione della scuola per gli ufficiali macchinisti, nel 1841, e che ancora oggi chiarisce gli intenti di Ferdinando II e il ruolo di Pietrarsa. La lapide recita: “Perché del braccio Straniero a fabbricare le macchine mosse dal vapore il Regno delle due sicilie più non abbisognasse e con l’istruzione dei giovani napoletani tornasse tutta nostra l’italica discoperta questa scuola di allievi macchinisti Ferdinando II, nell’anno XI del suo regno, governando le armi dotte Carlo Filangieri principe di Striano, fondò

In fondo al viale principale c’è la statua in ghisa di S.M Ferdinando II fusa nel 1852 sul modello in gesso dello scultore napoletano Pasquale Ricca. La statua rappresenta il sovrano Napolitano nell’atto di decretare la fondazione dell’Opificio di Pietrarsa ed è alta quattro metri e mezzo. La statua di Ferdinando II dopo l’occupazione del Regno delle Due Sicilie fu usata come bersaglio di colpi di fucile sparati dalla soldataglia piemontese che si trovava sui treni in transito tra Napoli e Cstellammare. Per evitarne la distruzione gli operai nel 1860 la levarono dal piedistallo e la conservarono nel deposito della sala modelli. Solo una quarantina di anni dopo la statua del sovrano borbonico tornò al suo posto. I segni delle fucilate sono ancora visibili sulla statua. 

Subito dopo il cancello di ingresso sulla sinistra c’è una lapide che ricorda l’eccidio del 1863 quando i bersaglieri caricarono gli operai che protestavano per salvare il posto di lavoro uccidendone sette e ferendone venti. 

L’opificio di Pietrarsa entrò in funzione nel 1842 fabbricava le locomotive ed i vagoni delle ferrovie Napolitane. Questa funzione la perse a vantaggio di fabbriche del nord a partire dall’unità d’Italia. 

Pietrarsa è un luogo simbolo nel bene e nel male della storia Napolitana. Qui si può apprendere con orgoglio quanto eravamo progrediti fino al 1860 e come ci hanno ridotto dopo che hanno posto fine alla nostra plurisecolare indipendenza. 

Chi di noi conosce la vera storia dovrebbe andarlo a visitare. Chi è già stato qui almeno una volta dovrebbe tornarci portando con se persone ancora a digiuno della verità storica per usare questo luogo emblematico come pretesto ad iniziare a parlare della vera, gloriosa ed anche triste storia Napolitana.

Giuseppe Savoia

http://www.duesicilie.net/O_N024.html

Riapre il museo di Pietrarsaultima modifica: 2007-12-24T18:50:00+01:00da josephepomeo
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Riapre il museo di Pietrarsa

Lascia un commento